Chi Siamo

Il Celim Bergamo è una ONG (Organizzazione non governativa di ispirazione cristiana) che opera nel campo della cooperazione internazionale in Africa, America Latina e Asia.

Il Celim Bergamo nasce nel 1964 dopo una serie di contatti con l’Associazione omonima di Milano nata nel 1958. Per diversi anni le due organizzazioni lavorano insieme realizzando “campi scuola” su tematiche del Terzo Mondo e sulla cooperazione internazionale.
In questi anni il lavoro del Celim Bergamo si configura come “laicato missionario” e si sviluppa soprattutto in Bolivia, Ecuador, Rwanda e Malawi. Questo periodo è caratterizzato da una stretta relazione con l’Ufficio Missionario Diocesano il cui Direttore, don Pietro Ceribelli, era il leader carismatico dell’Organismo, il principale punto di riferimento per le scelte di impegno e di servizio e per la maturazione delle motivazioni personali.
Nel 1971 il Celim Bergamo chiede ed ottiene l’idoneità come “Organizzazione di volontariato internazionale” prevista dalla legge n.1122 e di conseguenza entra a far parte delle Organizzazioni non governative (ONG). Nel 1972 redige il proprio Statuto e nello stesso anno aderisce alla FOCSIV. Inizia quindi ad operare in piena autonomia.

L’adesione alla FOCSIV favorisce i contatti con gli altri Organismi italiani ed esteri e promuove una continua riflessione sul volontariato e sulla realizzazione dei progetti.

Il Celim Bergamo lavora a fianco delle popolazioni del Sud del mondo nei settori educativo e di formazione professionale, sanitario, agro-zootecnico, microcredito, dei diritti umani grazie al contributo di giovani volontari competenti, accomunati dall’impegno per un mondo più giusto e solidale.

L’identità cristiana è la motivazione più profonda del nostro impegno per un futuro in cui le relazioni fra gli uomini e gli Stati si ispirino ai valori della fratellanza e della solidarietà.

Il volontariato si basa sulla convinzione che la gratuità è un valore e che la condivisione non può diventare un’occasione di guadagno. In questo modo le nostre spese di gestione sono minime e riusciamo ad utilizzare per i nostri progetti di sviluppo tutti i fondi che raccogliamo.
I criteri di intervento sono tratti dall’elaborazione dell’esperienza del servizio volontario internazionale sui temi dello sviluppo e della cooperazione internazionale e dai documenti della ” dottrina sociale della Chiesa”.
Il progetto, concepito come una concertazione bilaterale, implica per la sua realizzazione una piena corresponsabilità tra il Celim Bergamo e i partners, un coinvolgimento delle autorità locali e delle comunità coinvolte nel progetto.
Il Celim Bergamo ha inoltre scelto di non occuparsi dell’emergenza, ma di intervenire in progetti a medio e lungo termine per poter accompagnare le comunità coinvolte e appoggiare il loro sviluppo autocentrato, inserendosi nei piani già presenti, nel rispetto della storia e della cultura locali. Essere una Organizzazione cristiana di volontariato internazionale oggi ed impegnarsi in seno alla cooperazione internazionale allo sviluppo vuol dire assumere come prioritario l’impegno per la pace, la giustizia, la promozione umana e la solidarietà per i Popoli del Sud del mondo.

Un progetto di sviluppo costituisce l’incontro tra due storie e si traduce nel vivere insieme le responsabilità di un cammino secondo i ruoli dei differenti attori. Non è una risposta filantropica a generici bisogni individuati a tavolino dall’Italia, è invece l’appoggio a sforzi che le popolazioni stanno già conducendo: è sostenere e collaborare nell’ottica dell’autopromozione e della reciproca trasformazione.
Cooperare per il Celim significa promuovere i valori autentici di ogni comunità orientando le attività verso i bisogni delle popolazioni e integrando l’educazione alla vita, alla produzione e alla cultura, è partecipare all’elaborazione dei piani di sviluppo dei Paesi in cui si opera, è avviare processi di autonomia sul piano finanziario, dell’organizzazione e della gestione e costruire reti associative di coordinamento.

Attività

Il nostro lavoro si sviluppa su tre fronti:

1.   Internazionale, che comprende lo studio di progetti di cooperazione, la formazione, l’invio di volontari e il loro sostegno nel corso della realizzazione dei progetti.

2.   Nazionale, associati alla FOCSIV collaboriamo con altre ONG nella realizzazione di progetti comuni riguardanti l’educazione allo sviluppo, l’educazione interculturale e l’educazione alla cittadinanza.

3.   Locale, che ci vede impegnati nelle attività di informazione e formazione nella città, nei vari Comuni della provincia, e di sensibilizzazione e collaborazione con associazioni di immigrati, con il Centro missionario, gruppi e associazioni della nostra Diocesi.